domenica, 26 febbraio 2012

C’è chi lo fa tradizionale e chi strano. Chi lo fa alla bolognese e chi alla napoletana. Sicuramente tutti lo fanno nei giorni di festa, la domenica specialmente. Io lo faccio solo di domenica perché è l’unico giorno in cui mi concedo la lentezza e i riti. Il rito della colazione lunga e pigra, il rito del bar e dei dolci in pasticceria, il rito del ragù. Un rito fatto di minuziosa preparazione del trito di verdure, di profumi che si sollevano dal soffritto, di carne rosa sgranata in pentola che vira lentamente al bruno, di marsala ambrato che sfuma inebriando, di conserva rosso sangue che si riduce pippiando allegramente. E’ il rito che dedico alla mia famiglia che adora il ragù, e in special modo a mia figlia, che passo dopo passo sta imparando a prepararlo, rimandando a tempo debito la perizia del taglio delle verdure. La pasta di rito è il rigatone, ovviamente di Gragnano, possibilmente – quando mi capita di trovarla – del mio pastificio preferito.

 

LA RICETTA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INGREDIENTI (5/6 persone)

  • due cucchiai di olio e.v.o.
  • una cipolla rossa
  • una carota
  • due coste di sedano
  • una foglia di alloro
  • un cucchiaino di semi di finocchietto selvatico
  • 400 grammi di carne macinata mista di bovino e suino
  • 600 grammi di conserva di pomodoro san marzano
  • mezzo bicchiere di marsala
  • mezzo chilo di rigatoni
  • parmigiano grattugiato
  • sale

ESECUZIONE

  • tritare finemente le verdure e il finocchietto
  • scaldare l’olio in una padella antiaderente dal bordo alto
  • fare il soffritto con le verdure e l’alloro a fiamma media
  • aggiungere la carne sgranandola con i rebbi di una forchetta
  • sfumare con il marsala e togliere l’alloro
  • aggiungere la conserva di pomodoro e abbassare la fiamma
  • fare cuocere lentamente per un’ora abbondante
  • salare q.b.
  • cuocere la pasta in abbondante acqua salata
  • scolare, versare nella padella con un pò di acqua di cottura e amalgamare
  • impiattare aggiungendo il parmigiano e una cucchiaiata di ragù